Comune di Scarlino

comune scarlino

Tutela degli animali

Responsabile dell'Ufficio
Simonetta Radi
0566-38509
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Incaricati
Brunese Carla
0566-38529
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Posta elettronica certificata
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orario di apertura:
lunedì-mercoledì-giovedì-venerdì
dalle 8:30 alle 12:00
martedì
dalle 8:30 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 17:00

INTERVENTI PER GATTI REPERITI VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE VITTIME DI INCIDENTI STRADALI O PORTATORI DI MALATTIE CONTAGIOSE.

Per effetto dell’art. 189 del Codice della Strada e delle disposizioni contenute nel D.P.R. 616/77, sono attribuite ai Comuni le funzioni di assistenza veterinaria.

Recentemente la Corte dei Conti ha individuato la disponibilità che deriva alle Polizie Municipali dagli introiti delle multe elevate per infrazioni al Codice della Strada come fonte di finanziamento per il mantenimento in vita degli animali randagi catturati (Deliberazione Corte dei Conti 142/2011/PAR – Sezione regionale di controllo per il Lazio).

POSSONO ESSERE ACCOLTE SEGNALAZIONI RIFERITE A:

GATTI reperiti vaganti sul territorio comunale vittime di incidenti stradali

GATTI reperiti vaganti sul territorio comunale portatori di malattie contagiose (che rappresentano un pericolo per la salute pubblica)

PROCEDURA DA SEGUIRE:

Qualsiasi persona (non solo residente) può fare una segnalazione alla Polizia Municipale o all’Ufficio Tutela Animali (Politiche Sociali, Carla Brunese) circa il rinvenimento di gatti vittime di incidenti stradali o portatori di malattie contagiose.

In caso di somma urgenza la segnalazione può essere telefonica, ma successivamente dovrà essere accertata l’identità della persona che ha eseguito la segnalazione, mediante sottoscrizione di una segnalazione scritta, accompagnata dalla copia del documento di identità.

In caso di segnalazione telefonica l’Ufficio ricevente compila un modulo informativo.

L’UFFICIO RICEVENTE ACCERTA L’EFFETTIVA RISPONDENZA DELLA SEGNALAZIONE AI SOLI DUE CASI AMMISSIBILI DI INTERVENTO (gatti reperiti vaganti sul territorio comunale vittime di incidenti stradali o portatori di malattie contagiose (che rappresentano un pericolo per la salute pubblica)

Solo dopo aver svolto il dovuto accertamento, l’Ufficio ricevente attiva la Cooperativa IL NODO per la cattura e il trasporto dell’animale presso la clinica veterinaria incaricata.

L’ACCESSO DEI CANI sulla spiaggia libera, durante tutta la stagione turistica, (ordinanza 50/2015)

1.      L’accesso dei cani e degli animali da affezione sulle aree demaniali marittime del territorio comunale è disciplinato dalla Legge Regione Toscana del 20.10.2009 n° 59 art. 19 e 20 recante norme in materia di tutela degli animali;

2.      In tali aree è l’obbligatorio l’uso del guinzaglio oltre che al possesso di idonea museruola e strumenti per la raccolta delle deiezioni provvedendo sempre e comunque alla loro raccolta senza alcuna eccezione, ai sensi degli articoli 19 e 22 della citata Legge R.T. 20 ottobre 2009, n°59;

3.      Nelle aree in concessione l’accesso dei cani è regolato dalle norme di cui alla legge regionale Toscana 20 ottobre 2009, n°59;

4.      Il guinzaglio, se usato in modo disgiunto dalla museruola, non può avere una lunghezza superiore a metri 2 (due);

5.      E’ obbligatorio tenere sempre una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio per l'incolumità di persone o animali o su richiesta delle Autorità competenti;

6.      Anche se muniti di museruola e/o guinzaglio, i cani devono essere sempre accompagnati da una persona commisurata alla mole dell’animale;

7.      Nel caso in cui siano previste norme e misure più restrittive da parte delle Autorità sanitarie nel caso di animali qualificati come “pericolosi” (esempio Rotweiller, Pittbull ed altri) si applica tale la disciplina in deroga alla presente Ordinanza;

8.      L'accesso dei cani e animali da affezione in acqua è vietato sul tutto il territorio comunale, ad esclusione dell'area a divieto balneare cautelativo posto a nord e sud della foce del canale industriale comunemente detto “Canale Solmine”,sempre con le prescrizioni previste dalla Legge Regione Toscana 59/2009;

9.      Il proprietario di un cane e' sempre responsabile del benessere, controllo e della conduzione dell'animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali e cose provocati dall'animale stesso;

10.  Fatta salva l'applicazione di ulteriori sanzioni,  chiunque conduce un cane non rispettando l'obbligo di utilizzare il guinzaglio e non sia in possesso di idonea museruola, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 a euro 500 ai sensi dell'art. 7-bis del decreto legislativo n°267/2000;

11.  Fatta salva altresì l’applicazione di ulteriori sanzioni, chiunque non rispetti l’obbligo del possesso di idonei strumenti per la raccolta delle deiezioni oltre che la effettiva raccolta delle stesse, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 80,00 a euro 480,00 ai sensi dell’articolo 40, 1° comma lett. j) della Legge R.T. 20 ottobre 2009 n. 59;

CANILE COMPRENSORIALE DEL COMUNE DI FOLLONICA, SCARLINO E GAVORRANO sito in loc. la Botte - Scarlino

Visita il sito internet del canile "Un amico ti aspetta" 

Orario invernale

  • Lunedì 10.00 - 13.00
  • Martedì 10.00 - 13.00 e 15.00 - 17.00*
  • Mercoledì 10.00 - 13.00 e 14.30 - 16.30
  • Giovedì 10.00 - 13.00
  • Venerdì Mattina chiuso per servizio e 15.00 - 17.00*
  • Sabato 10.00 - 13.00 e 14.30 - 16.30
  • Domenica 10.00 - 13.00

* Apertura pomeridiana a cura di ENPA Follonica

Per informazioni:

Canile
380 7374215

Gestore: Cooperativa “Il Nodo”
0566.51537 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Disciplinare sul funzionamento del canile comprensoriale